Biblioteca Comunale

Dal 1998 la biblioteca ha iniziato la raccolta e catalogazione del fondo Vito Rosaspina, già Presidente dell’Amministrazione della Provincia di Pesaro e Urbino. A tutt’oggi sono stati catalogati nella banca dati provinciale circa 550 volumi relativi alla storia, all’arte e alla politica del PSI. Con la morte del donatore (1968) la biblioteca diventa comunale a tutti gli effetti e riapre regolarmente come servizio pubblico nel 1976.Da allora il servizio si è progressivamente consolidato e a tutt’oggi conserva il primato provinciale negli standard di valutazione. L’indice dell’intero patrimonio librario è consultabile in linea tramite l’OPAC provinciale.

  La " RACCOLTA D'ARTE " di Ugo Ubaldi

La "Raccolta d'Arte" di Ugo Ubaldi costituisce un insieme eterogeneo di antichità varie, 'opere d'arte', oggettistica disparata (talora anche di uso domestico), naturalità, etc. La denominazione di "Raccolta d'Arte", conferita da Ubaldi stesso, appare piuttosto altisonante e, sopratutto, non è chiaro che cosa Ubaldi intendesse comprendere sotto tale dicitura, dato che non riservò una specifica stanza della sua abitazione a fini espositivi né compilò un vero inventario della raccolta. Questa, infatti, è solo menzionata come Raccolta d'Arte esistente nella Casa della VII opera di Misericordia e nella Torre Balda nell'inventario da lui redatto per la donazione delle sua proprietà al municipio di Piandimeleto, ma le 'opere' vi sono elencate insieme a quanto era fisicamente presente nella stanza inventariata (termosifone compreso!).  Questa denominazione sembra dunque emblematica dello spirito retorico ed autocelebrativo con cui Ubaldi si interessò delle arti, così come emerge anche da altri elementi della sua biografia e della sua raccolta, quali l'iscrizione incisa sulla base della statua di Venere posta nel giardino della palazzina: NELL'ELLADE NACOVI/LA GENITRICE TERRA MI SERBO' NEL GREMBO/UGO UBALDI/MI PORTO' ALLA LUCE/SOLDATAGLIE STRANIERE MI DETURPARONO/ORA/RISORGO ALLA PACE/ORA RISORGO ALL'AMORE/A(nno) D(omini) MCMLVI.

Formazione Provenienze

Si ignorano i tempi di formazione della raccolta, i modi delle acquisizioni e le specifiche provenienze dei materiali. Tuttavia la comparazione di dati emersi dallo studio dei materiali, dalla biografia dell'Ubaldi e dai suoi carteggi, ha consentito di ricostruire o ipotizzare una serie di provenienze da Roma e dal territorio (Pesaro e Piandimeleto) e di circoscrivere la formazione della raccolta all'incirca negli anni 1940-1960

Breve profilo della raccolta

Si segnala un piccolo nucleo di antichità romane, sopratutto marmi, tra cui alcune urne cinerarie, vari frammenti di grande e piccola statuaria, di sarcofagi e di decorazioni architettoniche. Vi sono anche alcuni coperchi di coppe, frammenti di coroplastica architettonica e lucerne. Pochi elementi architettonici in marmo e frammenti di maioliche restituiscono un'esigua sezione di antichità altomedievali e rinascimentali. Tra le sculture si distinguono alcuni marmi moderni, che replicano statue tratte dall'antico ed alcuni bronzi dello scultore Ferruccio Vecchi.

Più consistente, ma parimenti eterogeneo, è il nucleo delle pitture, che annovera oli su tele e tavole, in genere di mano anonima e di scadente fattura (secoli XVIII-XIX); tra esse si possono distinguere un Carnevale Veneziano (Vincenzo La Bella) ed un Bacio di Giuda (Aldo Pagliacci). Numerosi sono gli acquerelli di Lucillo Golfetto, un pittore veneziano sconosciuto alla critica, ma che merita una segnalazione per il forte legame che ebbe con Ubaldi, che ne fu una sorta di mecenate. Tra le commissioni ese4guite da Golfetto per L'Ubaldi sono le illustrazioni per il suo 'romanzo storico' Tra le carte dei nonni. Accennamenti per chi volesse rendersi conto della Storia di un castello del Montefeltro.-Narrazione Umanistica.Poche sono le incisioni e le stampe (XVII-XX secolo), tra cui alcune dei fratelli Francesco e Giuseppe Rosaspina.Più numerose sono le maioliche, sopratutto di fabbriche pesaresi del Novecento (Molaroni, Ciccoli, Maiolica Artistica Pesarese, Artigiani Maiolicari Associati, Arte Maiolicaria Pesarese) e le porcellane, specie della fabbrica Richard Ginori.

 

Per Informazioni

Via Dante Alighieri n.15

Tel. 0722.721808

Orari di apertura: Lun. 15:00-19:00, Mart. 9:30-12:30, Merc. 15:00-19:00, Giov. 9:30-12:30, Ven. 15:00-19:00

 

 

© 2005-2022 Montefeltro...da scoprire - Gestito con docweb - [id]